Sala plenaria: 

Videoproiezione 

Tre schermi, telecamere PTZ e sala regia

Il centro congressi di The Nicolaus Hotel a Bari è stato rinnovato con videoproiettori NEC, telecamere Lumens e schermi Ligra.
I segnali sono gestiti in HDBaseT con extender CYP.

Collegato con il centro, la stazione e l’aeroporto, The Nicolaus Hotel è un albergo a 4 stelle nella città di Bari. La struttura si articola su 14 piani con 174 camere, 3 ristoranti e un’area benessere: The Nicolaus Hotel è la scelta ideale per un soggiorno all’insegna del comfort, con 2 piscine, interna ed esterna. E’ importante anche la struttura convegnistica, dedicata agli eventi business, composta da 14 sale con capacità ricettiva pari a 1.200 persone: per garantire un servizio completo che risponda alle esigenze di una clientela di professionisti, The Nicolaus Hotel si è dotato di una tecnologia integrata, wireless e cablata, per l’accesso internet ad alta velocità con fibra ottica in tutta la struttura.

Oggi, l’esigenza delle aziende che organizzano eventi dedicati alla propria clientela si è profondamente trasformata; sono richieste attrezzature scenografiche di grande impatto, schermi di proiezione importanti, immediatezza nel visualizzare non soltanto i contenuti dei

relatori ma anche loro stessi e le persone presenti in sala che partecipano alla sessione Domande Risposte.

Per queste necessità la tecnologia negli ultimi cinque anni ha fatto passi da gigante nello sviluppare prodotti prima utilizzati (per ragioni di costo) soltanto negli studi televisivi. La figura professionale più critica, in questi casi, è proprio quella del system integrator, che deve selezionare i prodotti adeguati, offerti dalle varie marche, per comporre la giusta soluzione, evitando di replicare configurazioni analoghe in contesti diversi, perché l’obiettivo da sempre nell’installazione AV professionale riferisce alla filosofia del ‘su misura’.

La sala plenaria del centro congressi MICE, così si chiama la struttura convegnistica di The Nicolaus Hotel, è stata di recente ristrutturata nella dotazione tecnologica Audio/Video:
sono stati installati tre videoproiettori NEC (PA803U a proiezione frontale e due U321H a

CASE HISTORY The Nicolaus Hotel, Bari

La configurazione di impianto

«Per garantire questo risultato – approfondisce Nicola Iannone – abbiamo studiato diverse soluzioni. Dovevamo conservare innanzitutto l’aspetto modulare
e versatile delle sale: infatti queste possono essere unite o separate da pareti mobili. Inoltre, abbiamo ragionato anche per realizzare un impianto che potesse permettere diverse soluzioni per quanto concerne la distribuzione di segnali audio e video. Per
fare tutto ciò abbiamo puntato sull’HDBaseT, una tecnologia che estende la lunghezza
delle tratte di collegamento HDMI, AV e dati, senza introdurre alcuna compressione dei segnali. Il primo passo è stato l’installazione di un videoproiettore NEC PA803U DLP
con ricevitore HDBaseT integrato, per la proiezione frontale su schermo 8x4 metri.

Sistemi Integrati - Audio/Video Volume 3 - 2017

Panoramica della sala convegni; nei particolari
il proiettore NEC PA803U, la camera PTZ Lumens VCG30 e, qui a destra, il suo controller.

Per il fissaggio abbiamo sfruttato il contro soffitto, utilizzando una staffa quasi invisibile agli occhi dei partecipanti al convegno. Quindi abbiamo valutato la possibilità di installare due videowall laterali allo schermo centrale, per proiezioni complementari,

capaci di sviluppare una scenografia ancora più attraente. Ipotesi che è stata sostituita con la collocazione di due videoproiettori ad ottica corta NEC U321H installati dietro le quinte per lavorare in retroproiezione. Questa soluzione ci ha dato la possibilità di rispettare il budget a disposizione, riducendo i costi.

"Abbiamo assemblato una gran varietà di dispositivi, armonizzati in un unico grande progetto. Le tecnologie all'avanguardia e un lavoro di squadra condiviso hanno reso possibile questa visione d'insieme"

Nico Iannone - Titolare DMB Italia

Schema a blocchi dell’impianto

Successivamente abbiamo provveduto ad aggiungere tre telecamere Lumens VCG30, di tipo PTZ: sono gestite dal joystick controller VSK20 presente in sala regia, collegato alle telecamere da un cavo di rete. Mentre sullo schermo centrale sono visualizzati i contenuti multimediali provenienti da un PC, gli schermi laterali vengono adoperati per visualizzare  le riprese che le telecamere effettuano sulle zone palco, platea e podio. Ad esclusione del videoproiettore frontale – collegato tramite cavo Cat6 in HDBaseT – tutti gli altri device sono gestiti da una matrice modulare Seada, collegati fra loro con extender CYP PU-515PL. La matrice video Seada SW2008 4x4 ha due moduli esterni, una scheda con quattro ingressi HDMI e una con quattro uscite HDMI. I quattro ingressi sono dedicati ai segnali provenienti dalle tre telecamere e ad un PC. Tre uscite, invece, sono destinate ai videoproiettori con la quarta riservata allo splitter HDMI 1x4, posizionato sotto il tavolo dei relatori. Con questo dispositivo siamo stati in grado di raggiungere e collegare anche tre monitor BenQ GW2270H da 22’’ che abbiamo posizionato sul tavolo dei relatori. La matrice è stata pensata per essere espansa con ulteriori schede, per garantire la massima flessibilità in un’ottica di futuro potenziamento dell’impianto. Il controllo della matrice può essere gestito comodamente da remoto – tramite PC e/o iPad. Per completare la configurazione, abbiamo previsto anche un elemento di Digital Signage: il totem Swedx Lamina-58-4K, da 58” di color bianco. È stato montato all’ingresso delle

sale del centro congressi MICE: sullo schermo vengono riportati i palinsesti degli eventi e l’intera programmazione. Uno strumento utile per raccogliere in un’unica schermata tutte le informazioni relative agli eventi in programma».

System Integrator della distribuzione

«Confrontandoci con la committenza abbiamo selezionato una gamma di prodotti diversi per garantire la soluzione più efficace e offrire il miglior rapporto qualità prezzo possibile – commenta Claudio Di Pinto. In tal senso Ligra si è da sempre proposta come
il system integrator della distribuzione, per elaborare soluzioni ad hoc composte da prodotti di diverse marche. Tra i benefici offerti dalla scelta di una tale dotazione tecnologica, fondamentale è stato il modo in cui si è deciso di integrare i vari dispositivi tra loro. L’utilizzo del protocollo HDBaseT
per la distribuzione del segnale, poi, ha costituito sicuramente un valore aggiunto all’installazione. Grazie agli extender è stato possibile neutralizzare il problema della lunghezza di tratta. Infatti, per oltre 70
metri il segnale mantiene la sua stabilità senza alcun problema. Il punto di forza
della tecnologia HDBaseT è la possibilità
di veicolare non solo il segnale AV non compresso ma anche la connettività internet, USB 2.0 e l’alimentazione fino a 100 W di potenza. Grazie ad un impianto basato su questo protocollo è possibile gestire i vari flussi video in modo flessibile e andare a comporre sugli schermi le immagini riprese

L’area dove sono stati installati i due NEC U321H, in retroproiezione sugli schermi laterali.

Nel particolare uno dei due proiettori. 

dalle telecamere e i contenuti multimediali. Dalla sala regia si possono gestire i flussi audio e video, registrarli su una SD Card e/o mandarli in streaming. La possibilità, poi, di poter contare su una matrice espandibile integrata con moduli esterni ci ha permesso di poter ragionare anche in un’ottica di lungo periodo, per futuri interventi e sviluppi del sistema».

Un lavoro di squadra

«La maggior parte della nostra clientela proviene da settori specifici: medicale, informatico, telecomunicazioni, estetica – conclude Simona Sebastiani. Le nostre sale congressi vengono richieste per svolgere congressi nazionali e internazionali dove è essenziale fornire una qualità impeccabile.
In particolare, la dotazione tecnologica dei videoproiettori ci ha consentito di poter far affidamento su una qualità accurata delle immagini, anche dal punto di vista dei colori. In settori come quello medico ed estetico, nei quali la risoluzione e il rapporto di contrasto delle immagini gioca un ruolo fondamentale, tali caratteristiche sono sempre molto gradite. Abbiamo apprezzato anche il rapporto collaborativo instaurato con Ligra e Diemmebi, in ogni fase dell’installazione, devo proprio dire che sono dei veri professionisti».